Inverno caldo Visita al Giselfeld Crystal Palace

Il clima fresco della Danimarca non consente di allevare piante esotiche lì. E quindi la creazione del complesso di serre di Gisselfeld a 40 km da Copenhagen è stata una soluzione eccellente.

Gisselfeld - uno dei castelli più antichi, ma allo stesso tempo ben curati del regno danese. Fu costruito a metà del XVI secolo e il suo primo proprietario fu il consigliere di corte del re Federico II. Solo per la costruzione di un fossato difensivo attorno al castello ci sono voluti 28 anni.

Successivamente, il castello fu ereditato da funzionari statali di alto rango e per qualche tempo fu addirittura in possesso di reali.

Landscape Park è stato fondato dai primi proprietari. Dato che il castello cambiava costantemente mano, e la moda da giardino rimaneva instabile, la disposizione e la gamma di piante spesso cambiavano.

Ad oggi, lo stile romantico si è finalmente formato. Questo sguardo ha dato al parco un paesaggista britannico E. Milner. Grazie a questo, Giselfeld Park è considerato uno dei migliori in Scandinavia: qui si riuniscono molte piante e fiori rari per questa regione.

L'area totale dello spazio verde è di circa 40 ettari. Più della metà del territorio è occupato dal sistema di acque con carpe. Gli stagni per pesci sono stati scavati fin dal XVIII secolo e sono diventati il ​​primo allevamento di pesci in Danimarca.

A Gisselfeld piaceva trascorrere del tempo nella tenuta del narratore danese G.Kh. Andersen. Come ha confessato nelle sue memorie, è stato qui che è stata scritta la parte della famosa fiaba "The Ugly Duckling". Questo non è sorprendente se prendiamo in considerazione il numero di uccelli acquatici nelle acque circostanti.

La serra fu aperta nel 1879, e gli architetti, nel processo della sua creazione, chiaramente preso in prestito alcune delle idee dal London Crystal Palace, eretto a una delle Mostre Mondiali. L'allora proprietario costruì una serra per compiacere il suo coniuge, che era inglese. 15 anni fa la struttura fu distrutta da un uragano, ma fu completamente restaurata nel 2010.

L'esposizione si espanderà, ma per ora aranci, agapanthuses, orchidee e gerani (circa 50 specie) occupano un posto centrale nella serra. Inoltre, è possibile incontrare ulivi, camelie, feijoa e godersi il flusso dell'acqua dalle fontane. Nella scuola materna della serra coltivano diligentemente gli stessi tipi di piante che sono state coltivate nel castello fin dal 1700.

Nella parte "vecchia" del parco ci sono i resti delle prime piantagioni, una trama con una cascata e una grotta, fontane decorative, ponti e sentieri circondati da alberi.

Quando la serra è aperta un piccolo vivaio, dove è possibile acquistare piantine di alcune piante coltivate nel parco, e prodotti correlati.

Il parco apre ogni anno una nuova stagione alla fine di marzo, quindi dall'inizio della primavera all'autunno inoltrato hai l'opportunità di vedere lo splendore descritto dal vivo. Periodicamente, nuove esposizioni appaiono nell'esposizione, in modo da poter provare a pieno il respiro della sorgente tropicale.

Secondo il sito www.gardenista.com

Loading...